Gnocchi di Pane al cinghiale: maremma come una volta

Consigli di sapori maremmani

La cucina toscana è semplice, la maremma toscana offre itinerari gastronomici che attraversano la storia e arrivano sulle nostre tavole portando i profumi di una volta. In passato i nobili e il popolo avevano due cucine distinte, nei palazzi del potere i banchetti erano sontuosi, mentre nelle pentole della gente comune sobbolliva ben poca cosa.

Non è difficile da immaginare cosa visitare in maremma, con il mare che sta lì a monito di una bellezza e invitante in tutte le stagioni, non solo d’estate. Per quanto riguarda cosa mangiare in questa zona devi essere più coraggioso, chiedere alle persone del posto e farti consigliare la vera cucina.

Oggi vi regaliamo questa ricetta che cattura l’atmosfera delle cucine di un tempo, prima della scoperta delle Americhe, quando gli ingredienti erano poche e indissolubilmente legati alle terre di appartenenza. Gli gnocchi che per molti di noi rappresentano una ricetta “italiana” a tutti gli effetti, in realtà prima dell’arrivo delle patate venivano preparati con il pane raffermo.

I nobili potevano permettersi di aggiungere all’impasto anche una manciata di mandorle. In questa variante te li proponiamo al sugo di cinghiale, carne di selvaggina saporita ed estremamente apprezzata in tutta la Toscana, tra le cose da scoprire in maremma con il gusto.

maremma-consigli.jpg

 

PREPARAZIONE

Come prima cosa devi mettere la carne di cinghiale a marinare con cipolla, carota, alloro e aromi in una buona quantità di vino rosso.

Poi il giorno successivo in un’apposita terrina:

·      sbattere le uova e subito dopo

·      aggiungere i tuorli,

·      aggiungere il pane raffermo opportunamente grattugiato

·      unire il formaggio

·      unire la farina e il latte

·      aggiungere noce moscata, mandorle e sale

Tutti questi componenti devono essere lavorati fino ad ottenere un composto compatto da far riposare per un’ora.

Passato questo tempo prendi un largo tagliere e inizia a dividere il composto in piccoli pani da allungare in filoncini di impasto e tagliali in pezzi più piccoli per ottenere dei cilindri della lunghezza di circa 1 cm. Aggiungere farina se necessario.

Fai bollire l’acqua e lessateli, scolandoli a dovere una volta pronti e adagiandoli sul piatto da portata.

Per il condimento

In una padella scalda un po’ d’olio con l’aglio tagliato non troppo fino, lascialo dorare e poi aggiungi i pezzi di cinghiale insieme alle verdure precedentemente marinate. Il fuoco dev’essere tenuto basso. Sale e pepe puoi aggiungerli a piacere. Una volta cotta a puntino la carne unisci gli gnocchi e aggiungi una spolverata di pecorino toscano.

Questo piatto è tra i nostri preferiti, grazie al suo sapore rustico ci riporta alla mente le memorie delle nostre vacanze in maremma. Lo si trova facilmente in molte località, con diverse varianti della stessa ricetta che si è evoluta nel corso dei secoli, restando comunque fedele alla genuinità. Puoi trovarlo nei menu di ristoranti e agriturismi in maremma, nei villaggi turistici dell’Argentario e tra le strade del centro storico di Grosseto. Se l’hai già assaggiato facci sapere cosa ne pensi.

maremma-toscana-da-vedere.jpg
Privacy Policy