Dove arrampicare in Maremma: Prima Parte

Per noi lo sport è l’emozione di una sfida all’aria aperta. Chi va alla ricerca di falesie dove arrampicare in Maremma non resterà deluso. L’aria frizzante e i colori di una terra intrisa di quel gusto autentico che ritrovi in un bicchiere di vino a fine giornata, lo spettacolo di vigne e vegetazione all’orizzonte. Questo è ciò che ci si porta a casa il climber che percorre le vie che si trovano in queste zone, insieme alla voglia di tornare. Seguici, ti portiamo a conoscere i posti migliori dove arrampicare in questa zona della Toscana.

Un tour tra le vie più belle della Maremma

vacanze-maremma.jpg

Iniziamo dalle ultime propaggini della costa nord maremmana. Siamo a Follonica, nell’area delle colline metallifere che degradano sul mare. Siamo di fronte ad un golfo che saluta il Mar Tirreno, caratterizzato da diversi poggi.

In questa zona si trova la falesia di Poggio al Montone, più interna alla costa e vicina a Massa Marittima, cittadina medievale che merita una visita. Le pareti sono state attrezzate da Eraldo Meraldi in team con appassionati della zona. Ci si trova davanti diversi tiri interessanti di lunghezza tra i dieci e i venti metri, su calcare verticale e strapiombante, lavorato a buchi. L’esposizione è ad ovest la maggior parte dei settori, che prendono il sole verso l’ora di pranzo.

In sosta puoi ammirare ciò che ti circonda: boschi che si perdono fino all’orizzonte, paesaggio senza nessuna contaminazione della presenza umana. Un mare di verde, che lascia intuire la continuità con il mare azzurro non troppo distante. Se non ci sei mai stato prepara l’attrezzatura e tieniti pronto a staccare i piedi da terra ed ammirare una delle località più belle della Maremma.

Per raggiungere questa falesia da Massa Marittima devi andare in direzione località Ghirlanda. Prendi la strada per Perolla e percorrila per tre km fino al superamento di un ponte. Prosegui per una sterrata verso destra, che si inoltra nel bosco in salita. Questo tratto è ancora percorribile con l’auto. Continua fino ad un tornante stretto che curva a sinistra, da cui prendi un bivio verso destra, che si estende rettilineo per cento metri fino ad una piazzola in cui potrai parcheggiare. Dal parcheggio dovrai tornare indietro di circa dieci metri per individuare la traccia nel bosco che ti condurrà alla falesia, a meno di cinque minuti dal parcheggio. Per ulteriori dettagli clicca qui.

Monte Calvo a Gavorrano

Un altro posto da non perdere per gli amanti dell’arrampicata in Maremma è la falesia di Gavorrano, presso il Monte Calvo. Il luogo ha come tratti distintivi la vegetazione folta e il forte magnetismo della natura più selvaggia, che offre una falesia con circa sessanta monotiri di vari livelli.

Le colline maremmane sono lo sfondo, la figura del quadro è la roccia che emerge con determinazione. Le vie sono di circa dieci o quindici metri, ma due oscillano tra venticinque e trenta metri, montate su calcare abbastanza tenero.

Siamo a quota 350 m sul livello del mare, con esposizione a sud est per i settori bassi e a sud ovest per quelli nel settore Extra-vergine. D’estate è particolarmente soleggiato, il sole arriva la mattina presto e va via dopo pranzo.

Per chi arriva da fuori, prendendo l’autostrada può uscire a Gavorrano, superare la località Bagno di Gavorrano e attraversare Gavorrano stesso seguendo per Ravi lungo via della Serra. Scendendo potrai già parcheggiare in un spiazzo che ti troverai sulla destra. Dal parcheggio è chiaramente visibile un sentiero in salita che va verso sinistra e porta al bosco. Da lì si procede in diagonale verso sinistra e poi a destra e si raggiunge la parte bassa della falesia. Dal parcheggio occorrono circa 15 minuti. Per maggiori informazioni clicca qui.

 Bouldering a Sassofortino

Per una full immersion nei boschi della Maremma una visita a Sassofortino non può mancare.

camere-affitto-grosseto-centro.jpg

Sassoforte è una località suggestiva, in cui anticamente sorgeva un castello a circa ottocento metri sopra il livello del mare. Tra le rovine di queste antiche gesta e una natura accogliente si trovano blocchi un po’ sparsi, tra boschi di castagni e di faggi. Tutte le stagioni dell’anno sono buone, anche se con il freddo invernale E con le piogge sale l’umidità che può perdurare anche per parecchi giorni, soprattutto nei settori in basso, compromettendo l'aderenza. Dove il vento è più presente, come sei settori di Costaombrosa e Abetaia, l’umidità scompare più in fretta. Il luogo è perfetto d’estate, perché ben ombreggiato anche nelle ore più calde, unica pecca potrebbero essere le zanzare, ma se opportunamente equipaggiati non saranno un grosso problema.

Sia a Sassofortino che a Roccatederighi si arrampica su roccia vulcanica, consistente ma piuttosto abrasiva, caratterizzata da svasi e bordi sfuggenti, anche se ci sono anche tacche e buchi. Preparati a frequenti compressioni e tallonaggi, vista un’assenza massiccia di appoggi per i piedi.

In ogni caso la varietà dei blocchi consente di sperimentare un’ampia varietà di stili di scalata, con l’esposizione si trasformano i tipi di prese e di roccia. Tra i settori preferiti ci sono:

·      Il fortino

·      Grattugia

·      Calibani

Da visitare soprattutto in primavera e autunno, mentre da valutare con attenzione per l’inverno, visto il problema con l’umidità di cui abbiamo già parlato, a cui si aggiunge solitamente un forte vento.

Nel blocco Castello ci si trova accanto le rovine, che fanno un certo effetto e rendono il luogo unico.

Ci sono anche settori più nuovi che meritano una menzione, come Costombrosa, recentemente scoperto grazie all’impegno di vari arrampicatori. Tra le sorprese apprezzate, sicuramente il dolce microclima da manica corta a gennaio non è cosa da poco. Così Costaombrosa si è conquistato un posto nel cuore di alcuni top climber che recentemente hanno ingrandito la proposta, liberando nuove vie e regalando a tutti gli appassionati un settore nuovo e divertente. Qui ogni settore ha la sua storia, molto bella e piena di passione per lo sport. Leggi qui per saperne di più. 

L’arrampicata aggiunge un’entusiasmante ragione in più per visitare la Maremma. Tra le tante cose da fare in provincia di Grosseto questa è una delle più emozionanti, sono numerosi i viaggiatori che raggiungono queste mete con la loro attrezzatura, pronti a chiudere più vie possibili e a conquistarsi l’ebbrezza di un momento da non dimenticare.

affittacamere-grosseto.jpg

Le nostre strutture si trovano in provincia di Grosseto e nel centro storico della cittadina. Comode per girare la zona e raggiungere le migliori località in poco tempo. Se vuoi regalarti un tempo unico a contatto con la Toscana autentica e il tuo sport preferito prenota subito, ti aspettiamo!

Privacy Policy