Cosa visitare a Grosseto dentro le mura

Per sapere cosa visitare a Grosseto devi attraversare una delle porte ed entrare dentro le antiche mura. Protetta e nascosta come i gioielli più incantevoli, Grosseto è una delle poche città italiane ad essere circondata tuttora dalle possenti mura difensive, risalenti all’epoca medicea. Dentro il centro storico si susseguono strade eleganti e facciate di palazzi dalla splendida architettura. Una passeggiata o un giro lungo una delle sei piste ciclabili infonde il piacere di ritrovare centri abitati ancora vivi ma tranquilli, carichi di quell’atmosfera genuina e fresca che le migliori località toscane sanno offrire.

Quali monumenti vedere a Grosseto

provincia-di-grosseto-destinazioni.JPG

Le bellezze artistiche ed architettoniche sono la testimonianza più palese della storia avvincente di questa città della bassa toscana.

I punti di interesse sono innanzitutto legati alla storia della famiglia dei Medici, fu Cosimo I a fare di Grosseto un luogo strategico, anche se le prime tracce di mura difensive risalgono al 973 d.C.. Con lui prendono la forma attuale a stella con i sette bastioni. Dentro questo sistema si dispiega la città vera e propria con tutte le sue attrattive, tra cui:

·      La cattedrale di San Lorenzo

·      Teatro degli Industri

·      Monumento di Leopoldo II di Lorena

·      Palazzo Aldobrandeschi

·      Cassero Senese

La Cattedrale di San Lorenzo a Grosseto

Tra i luoghi consigliati da visitare a Grosseto la Cattedrale di San Lorenzo è in prima posizione. È il frutto di numerose ricostruzioni che si sono sovrapposte con maestria e che lasciano intuire il valore del passaggio di diversi artisti e architetti. L’aspetto definitivo venne dato nel XV secolo, epoca a cui risalgono anche le famose vetrate. La facciata gotica sui toni del rosso e del bianco si staglia con eleganza su Piazza Duomo.

Cosa fare a Grosseto? Andare a Teatro

Il Teatro degli Industri è il teatro ufficiale della città, se cerchi qualcosa da fare a Grosseto puoi dare un’occhiata alla programmazione. L’edifico che lo ospita si trova in Via Mazzini, una strada che si trova nelle adiacenze delle mura. Venne costruito dall’Accademia degli Industri intorno al 1819. Circondato da un bellissimo portico, è proprietà del comune dal 1938, periodo in cui venne adibito soprattutto a sala cinematografica. In seguito all’alluvione del 1966 e per diversi decenni è stato sottoposto ad una serie di restauri che hanno portato all’aspetto originale.

Monumento a Leopoldo II 

Il monumento è un'opera creazione del 1846 dovuta all’impegno dell’artista Luigi Magi. Rappresenta la Maremma come una donna sofferente sorretta dal Granduca, fautore delle consistenti bonifiche della zona. La donna sorregge un bambino morente, simboleggiante il futuro infausto che sembrava essere segnato per il territorio. Sull’altro fianco del Granduca si appoggia un bambino che con il piede schiaccia un serpente, che rappresenta la malaria, questo dettaglio mostra la trasformazione positiva infusa dall’opera di Leopoldo II di Lorena, grazie al quale la malattia venne debellata. Alla morte del serpente-malaria concorre anche il grifone, simbolo dello stemma comunale e della città di Grosseto.

Palazzo del Comune di Grosseto

Il palazzo comunale o palazzo Aldobrandeschi è un chiaro esempio di stile neogotico di inizio secolo. Ha sostituito il palazzo pubblico di cui ancora si possono notare le impronte medievali della struttura originaria. Si trova nel cuore del centro storico, la cui arteria principale è via Carducci. Il palazzo si erge di fronte a Piazza Dante, la più importante. Notevole lo stile neogotico, con affascinanti decorazioni sia all’interno che all’esterno, che ricalcano i più bei edifici del gotico senese. Molto suggestive le due torri che si innalzano, una delle quali molto vicina al Duomo.

Il Cassero Senese

cosa-fare-a-grosseto.jpg

Tra le cose da vedere a Grosseto vi consigliamo di non perdervi il Cassero Senese, soprattutto se siete appassionati di Medioevo, infatti è l’unica testimonianza della cinta muraria appartenente a quell’epoca. Il resto delle mura vennero ricostruite nel Cinquecento. Completamente rivestito in travertino, la doppia porta si apre su Porta di Santa Lucia e dava accesso al centro di Grosseto. La sua destinazione d’uso attuale prevede mostre d’arte e fotografia, tra cui il Festival Resistente, uno degli eventi di Grosseto più famosi.

Se sei in vacanza a Grosseto e desideri fare shopping puoi trovare molte interessanti occasioni per fare affari in diverse zone della città. Lungo Corso Carducci puoi fare sosta per un aperitivo o una serata tranquilla per godere delle autentiche ricette toscane. Se invece vuoi esplorare nuove località in provincia di Grosseto ci sono molte destinazioni da visitare, di cui abbiamo parlato in questo articolo. Trascorrere un week end in queste località è un’idea perfetta per conoscere meglio un intero territorio.

Insomma, Grosseto è davvero una città perfetta per vivere, a dimensione d’uomo e piena di vivaci eventi e occasioni di divertimento anche per i turisti. Il nostro affittacamere al centro di Grosseto, De Calboli Guest House, è recensito molto positivamente da tutti i nostri ospiti per la sua posizione privilegiata e il comodo servizio offerto.

Dai un’occhiata alle nostre proposte, ti aspettiamo per organizzare la tua vacanza in maremma in questa splendida cittadina.

centro-storico-grosseto.jpg
Privacy Policy